Maculopatie

VENTURA ANNAMARIA

Le Maculopatie sono una patologia degenerativa della macula dell’occhio.
La macula è un elemento costitutivo della retina ed è posizionato al centro della stessa, si compone di una serie di cellule dette fotoreettori, che attraverso un processo elettronico e chimico, conducono gli impuli luminosi al sistema nervoso, garantendo la percezione dei colori da parte dell’essere umano.
Le maculopatie possono essere ereditarie o il frutto del passare degli anni, in genere, la patologia si manifesta dopo i 50 anni.
Il soggetto affetto da maculopatia è subordinato ad una perdita della vista o alla visione distorta delle immagini, tecnicamente si parla di “metamorfopsie”.
La diagnosi avviene tramite uno specifico test, volto a controllare la capacità visiva e non distorta delle immagini, questo prende il nome di “Test di Asmler”.
Il test prevede che il soggetto, attraverso un foro, osservi una griglia composta da linee in orizzontale e in verticale a formare dei quadratini, al cui centro è disposto un punto nero, il soggetto deve fissare il punto fino ad allargare l’immagine alle linee orizzonatali e verticali costituenti la grigia, e verificare se ne abbia o meno un immagine distorta.
In seguito a questo test, potranno essere richiesti esami più tecnici come: OCT, fluoriangiografia ed angiografia.
Il trattamento varia a seconda del grado della malattia, ai pazienti potrà essere richiesto di smettere di fumare, in quanto la nicotina è nociva per gli occhi, e in aggiunta di seguire una dieta ricca di Omega3 e di utilizzare occhiali da sole per proteggersi dai raggi ultravioletti.

Chiama
Mappa